AAA CERCASI BETANCUR DISPERSO! ESPLORATORI DA TUTTO IL MONDO ALLA SUA RICERCA

Sono passati tanti anni dalla famigerata corsa all’oro del Far west che ha interessato in pratica tutte le potenze di quel periodo, lontana l’epoca dei pirati che andavano alla ricerca di tesori o dei conquistadores verso la città dorata. Siamo ormai nell’era  dove queste ossessive ricerche non interessano più a nessuno se non agli appassionati considerati da tutti fanatici. Nonostante questo per alcuni giorni il mondo del ciclismo è stato invaso da esploratori di ogni tipo che hanno setacciato in lungo e in largo il globo, quasi una nuova fase della ricerca del sacro Graal che per la verità in molti non hanno mai smesso di cercare. Questa volta però non è la famosa coppa d’oro al centro di queste spedizioni, bensì Carlos Betancur che per parecchio tempo è stato irreperibile per l’AG2R la mondiale, la sua squadra di appartenenza. Potremmo quasi paragonarlo ad un Osama Bin Ladem moderno che così all’improvviso, puf, è scomparso senza dir niente a nessuno, introvabile, sparito. In un attimo la notizia si è diffusa e così ognuno a suo modo ha cercato di darsi da fare per trovarlo. Ci si è arrangiati come si poteva: alcuni si sono limitati a guardare fuori dalla finestra e cercarlo lì, altri hanno digitato il suo nome su Wikipedia provando a scoprire qualcosa di interessante, i più avventurieri invece sono partiti alla sua ricerca. In alcuni casi le aree ispezionate non è che siano state proprio così vaste: per esempio c’è stato qualcuno che lo ha cercato nel centro commerciale vicino a casa, ma ne è rimasto deluso,  c’è chi invece si è recato alle gare juniores del paese dimenticandosi che Betancur è professionista da un bel pezzo. In molte occasioni però i nostri esploratori si sono spinti molto in là, sono così cominciate ad arrivare da tutte le parti del mondo testimonianze del suo avvistamento. Le prime ipotesi provengono direttamente dalla sua Colombia dove delle signore sostengono di averlo visto a casa della mamma di Quintana a bere del buon caffè, altre ad allenarsi sulle Ande, c’è chi addirittura riteneva di averlo beccato mentre trafugava il trofeo senza fine al connazionale. Informazioni un po’ più bizzarre arrivano dalla Cina dove c’è chi dice di averlo allo zoo, forse ad interagire con qualche animale, dall’Inghilterra dove dei turisti ossessionati continuano a sostenere che sia finito tra le altre cere nel museo di Madame Tussauds, altri che sia da giorni dal dentista di fiducia perché ha problemi con il suo apparecchio ortodontico. Notizie un po’ meno rassicuranti provengono dalla segretissima area 51 dove si dice che siano arrivati degli alieni apposta per portarlo con loro!! Altri avvistamenti li abbiamo nella Jungla dove dovrebbe essere stato accolto da un gruppo di scimmie, nel mare dove starebbe navigando con i pirati, mentre Indiana Jones anche lui alla sua ricerca sostiene che il colombiano lo avrebbe abbandonato subito dopo aver trovato un prezioso tesoro. Sono tante le informazioni pervenute da tutto il globo, alcune veritiere, alte quasi impossibili da credere, fatto sta che il forte scalatore non si trova, è scomparso, per i più scettici è un in bunker o è “scappato con la cassa”. Attimi di forte sgomento e ansia hanno così attraversato il mondo del ciclismo che è arrivato pure a pensare di contattare i cani della sezione cinofili; era stata precedentemente accettata l’opzione “chi l’ha visto”, ma sfortunatamente a causa dello sciopero rai la trasmissione non è andata in onda.

Immagine

 

Il corridore avrebbe dovuto partecipare all’imminente tour de Suisse che prenderà il via sabato e poi al tour de France, ma di lui non si sa niente, scappato per paura della Grand Boucle? Si è nascosto per allenarsi meglio? Voleva un po’ di vacanza? Potremmo porci queste domande all’infinito, ma penso che non otterremo mai risposta perché l’”oggetto del desiderio” in questione, nonostante le ininterrotte ricerche, non si è ancora trovato. Notizie rassicuranti (come dice velobike) giungono da Franco Gini, il commissario tecnico della nazionale colombiana, egli dichiara che Betancur sarebbe alle prese con un fastidioso virus. Niente giro di Svizzera, né tour de France, quindi per il colombiano che dal suo paese d’origine dovrebbe rientrare in Italia per preparare al meglio Vuelta e Mondiale. Queste affermazioni sembrano rassicurare tutto il mondo del ciclismo anche se per la verità il caso è ancora aperto, l’atleta alla fine dei conti non si è ancora trovato. Un vero e proprio latitante, ormai diventato il tormentone di questo pre-estate, forse nascosto in un paradiso tropicale a godersi una meritata vacanza o semplicemente a casa a riposare. Ma adesso mi sta venendo un serio dubbio: non è che non riusciamo a trovarlo perché  Loki, il dio delle malefatte,  lo ha rapito e lo ha portato in un mondo parallelo? Sono aperte le scommesse, io intanto però inizio a chiamare gli “Avengers” per poterlo salvare!

Giorgia Monguzzi

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...